"Passeggiando tra gli stand della Fiera Quattro passi, in questi giorni a Treviso, abbiamo scoperto un "Progetto Ribelle".

Un'idea: produrre scarpe veramente italiane, con finiture artigianali, utilizzando il meno possibile chimica e materiali sintetici; scarpe risuolabili e riparabili, contro l'obsolescenza programmata, che non puzzino perché la fodera assorbe il sudore.

Il sogno è diventato un'azienda, in cui i clienti sono "alleati" e i collaboratori sono "combattenti".
E se, dopo aver visto le varie collezioni, vogliamo acquistare un bel paio di scarpe (ricordiamoci che le produzioni sono in piccola scala) possiamo rivolgerci ai rivenditori (la filiera è molto corta) oppure direttamente allo spaccio aziendale, perché, come scrivono sul sito: "Se venite a trovarci di persona, saremo lieti di conoscervi e presentarvi la nostra “famiglia”. Quando non siamo troppo indaffarati, ci scappa anche una chiacchiera davanti a un caffè (della macchinetta, ma buono)." Un bel modo di ricostruire relazioni di fiducia! Allora, per far respirare i nostri amati arti inferiori, Ragioniamo con i piedi